plachyEvocando i ricordi dell’artista, la mostra Sylvia Plachy. When Will It Be Tomorrow, al Museo di Roma in Trastevere dal 23 giugno al 2 settembre 2018, presenta sessant'anni di lavoro della fotografa. La mostra fa parte di FOTOLEGGENDO il festival di fotografia che quest’anno è alla sua XIV edizione.
Le fotografie, realizzate tra il 1958 e il 2018, mostrano l'abilità unica di creare immagini di Sylvia Plachy e di catturare l'essenza dell'esistenza umana, portando gli spettatori in un viaggio dietro i momenti immortalati.. Comunicando i vari livelli d'emozione che accompagnano l'inevitabilità dell'attesa con compassione e senso dell’umorismo, l’obiettivo di Sylvia proietta mondi su carta mentre racconta storie senza parole.
André Kertész, amico e mentore di Sylvia fin dagli anni del college, riguardo alle sue fotografie ha detto: "Non ho mai visto il momento percepito e intrappolato nella pellicola con maggiore intimità e umanità". (Ulteriori informazioni sulla fotografia di Sylvia Plachy dal saggio Kronos e Kairos di Péter Rona, Università di Oxford).
Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, la mostra è prodotta da Robert Capa Contemporary Photography Center, Budapest, Ungheria, con il supporto dell’Accademia d'Ungheria in Roma. A cura di Gabriella Csizek. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.
La fotografia di Sylvia può essere letta come una ribellione contro la tirannia dello scorrere del tempo. È una lotta eroica per riconquistare l'incanto di un'esperienza diretta, non mediata, che nasce dal legame diretto tra la fotografa e ciò che vede. Nei suoi lavori migliori, non c'è sguardo, non c'è posa, non c'è composizione premeditata: il soggetto non si accorge dello scatto e, come spesso accade nella grande pittura, lo scatto non è la registrazione del visibile e neanche l’esperienza dell’autrice, ma piuttosto la magica connessione tra la fotografa e il suo oggetto. Sono incontri non programmati in cui la verità viene visceralmente percepita prima ancora che se ne scorga il significato. Infatti, è quel momento, prima della nascita del suo significato, prima dell’arrivo al suo posto stabilito nella nostra coscienza, che posiziona queste immagini al di fuori del tempo. Queste fotografie, che trasudano calore, immediatezza e fascino, sono di fatto profondamente sovversive della razionalità strumentale del nostro tempo. Parlano di amore profondo e incondizionato.
Completa la mostra, il libro When Will It Be Tomorrow pubblicato dal Centro di fotografia contemporanea Robert Capa (progettazione ed editing: Sylvia Plachy e Yolanda Cuomo, 2018).
(mos)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn