convegno donne“Siamo con tutti i popoli, coi bambini, le donne e gli anziani che soffrono e sono vittime  di abusi sessuali e lavorativi”, precisa Foad Aodi,  fondatore e Presidente del Movimento Uniti per Unire  e delle Co-mai, Comunità del mondo Arabo in Italia.  Per questo, in occasione dell' 8 marzo, Festa internazionale della donna, le Co-mai, “Uniti per Unire” e L’ Università di Roma Tre, organizzano il Convegno “La figura della donna nelle tre religioni monoteiste”: che si svolgerà appunto  l’8 marzo, dalle ore 15, all’ Università degli Studi Roma Tre, Via Milazzo 11,b ( Aula Volpi), sull’attuale situazione della donna nel cristianesimo, nell’ebraismo e nell’ islam, con speciale attenzione ai suoi diritti e al suo inserimento nel mondo del lavoro, in una situazione economico-sociale e culturale in movimento ormai in tutto il mondo.
Interverranno: Carmelina Chiara Canta, Docente a Roma Tre di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi; Avv. Luigia Bagnato, civilista; Nicola Lofoco, giornalista e portavoce di U. x U, autore del saggio “Quel velo sul tuo volto” ( centrato sul tema del velo nell’ islam); Tiziana Ciavardini, giornalista e antropologa; Elena Rossi, giornalista e coordinatrice Dipartimento donne UxU;  Shazarahel,  scrittrice e vice Presidente della Confederazione CILI-Italia; Foad Aodi, docente alla “Sapienza”, medico fisiatra. Presiederà il  Prof.Roberto Cipriani, sociologo della religione, docente emerito a Roma Tre; moderatore,  Fabrizio Federici, giornalista coordinatore dell’ Ufficio Stampa congiunto di Uniti per  Unire.
“Organizziamo questo convegno – dichiara il Prof. Foad Aodi-  per lanciare due messaggi al mondo politico e diplomatico. Uno vòlto a stemperare il clima d’ intolleranza, di sopraffazione, di odio che da tempo pervade vari settori della società italiana,  specie nei confronti di immigrati, musulmani, islam: clima alimentato, in vista delle prossime elezioni, da politici irresponsabili facenti riferimento a partiti d’estrema destra.
Il secondo messaggio, volto alle  ONG  e all’ ONU:  di chiarire al piu’ presto  riguardo tutto quello che si legge in questi giorni sugli abusi sessuali commessi, nei confronti di  donne e  bambini, in Siria e in altri Paesi arabi e africani.
Le Co-mai  e  Uniti per Unire”, prosegue Aodi,  “da anni lavorano per un’ integrazione seria, ragionata, programmata, degli immigrati nella società italiana (che non vuol dire porta aperta sempre e indiscriminatamente all’ immigrazione): nella consapevolezza che decine di migliaia di professionisti della sanità e di altri settori, provenienti da altri Paesi, da decenni partecipano regolarmente alla formazione del PIL italiano e al buon  funzionamento dei servizi pubblici di questo Paese. Ci auguriamo allora che domenica 4 marzo, alle elezioni, gli italiani scelgano responsabilmente,secondo logica e buonsenso: premiando, in tutti gli schieramenti, quanti lavorano per l’integrazione nella società  e non per la sua disgregazione, sull’onda dell’odio razzista e qualunquista”.
(Fabrizio Federici)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn