festa del dialogo Bilancio positivo, quello delle Feste del Dialogo, organizzate dal 1 all'11 settembre, in Italia e in Terra Santa, dalla Co-mai, Comunità del mondo Arabo in Italia,  dal movimento internazionale e interprofessionale "Uniti per Unire" e dalla Confederazione Internazionale, Laica e Interreligiosa,  #Cristianinmoschea. In tutte le Regioni italiane, dal 1 all'11 settembre, si sono organizzati preghiere comuni, incontri, dibattiti pubblici, cene di fratellanza che hanno fortemente contribuito al dialogo tra musulmani, cristiani, ebrei, fedeli di altre religioni e laici, all'abbattimento dei muri dell'odio reciproco, del pregiudizio, e del terrorismo: con l'adesione di più di 2500 tra comunità  islamiche, circoli culturali, associazioni, Università, sindacati. "Gran finale" a  Roma, Reggio Emilia e Gerusalemme, il 10-11 settembre.
Nell'Urbe, dibattito denso di interrogativi ma anche di concrete proposte organizzato dal Prof. Foad Aodi, presidente di Co-mai e Uniti per Unire, e fondatore di #Cristianinmoschea, dal Vescovo anglicano Luis Miguel Perea Castrillon, all'Istituto delle Suore Oblate del Sacro Cuore di Gesù in Via del Casaletto. "Con queste nostre iniziative ", ha precisato Foad Aodi, "iniziate ufficialmente con #Musulmaninchiesa del 31 luglio 2016, pochi giorni dopo il tragico attentato di Nizza, e proseguite con la nascita della Confederazione #Cristianinmoschea, non vogliamo certo fare miracoli: ma combattere - sempre con le armi del dialogo, della conoscenza reciproca e della  buona informazione - contro i fomentatori di odio, e  le strumentalizzazioni politiche di problemi complessi, come  anzitutto l'immigrazione irregolare . Vogliamo far vedere le cose a chi non vuol vedere, far sì che l'ottuso cominci a ragionare; e con le #FestedelDialogo diamo uno strumento per la miglior terapia delle "zone grigie", anticamera del terrorismo. Proprio l'11 settembre, abbiamo voluto chiudere le #FestedelDialogo dedicando questa grande partecipazione al ricordo e alla commemorazione di tutte le vittime del terrorismo. Mentre lanciamo un appello per fermare qualsiasi discriminazione e qualsiasi massacro di etnie e religioni".
Per il vescovo anglicano Luis Miguel Perea Castrillon, Vicepresidente di #Cristianinmoschea: "Ognuno di noi ha una qualche possibilità di partecipare a cambiare il mondo, ed è nostro dovere non lasciarla cadere. Indegnamente siamo chiamati tutti  a trasformare questo pianeta col nostro impegno, partendo dal nostro vissuto quotidiano: e la forza del dialogo deve permeare la cultura, la politica, lo sport, ogni aspetto della realtà".
Sulla stessa linea l'algerino Kamel Belaitouche, segretario generale della Co-mai ("Ogni civiltà nella storia s'è sviluppata grazie al dialogo e all'interscambio con le altre, non con le chiusure nazionalistiche esaperate e ottuse").
Mentre l'imam Salameh Ashour, responsabile del Dipartimento dialogo interreligioso della Co-mai, ha ricordato il principio fondamentale, comune a tutte e 3 le grandi religioni monoteistiche, dell'uguaglianza di base tra gli uomini.
(F.Fed)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn