Stampa
Categoria: Cultura

tre cime lavaredoÈ Stefan Miron, classe 1989, il vincitore della 9a edizione di “Obiettivo Terra” 2018, il concorso fotografico dedicato alle bellezze e alle peculiarità dei Parchi e delle Aree Marine Protette d'Italia, promosso dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana Onlus, per celebrare la 48esima Giornata Mondiale della Terra (22 aprile). La foto vincitrice ritrae un ragazzo seduto su un crinale di alta montagna, assorto nella contemplazione della spettacolare veduta delle Tre Cime di Lavaredo, uno dei simboli più celebri delle Dolomiti di Sesto. Con questo fortunato scatto, il 28enne trevigiano si è aggiudicato, oltre al primo premio, del valore di mille euro, per la prima volta nella storia del concorso, anche la Menzione dedicata al Turismo sostenibile.
Lo scatto di Miron è esposto in gigantografia fino al 1° maggio in Piazza Barberini a Roma, insieme alla foto di Mirko Ugo, vincitrice della Menzione speciale Fanpage.it, una tra le novità di questa edizione. Lo scatto di Ugo, realizzato nel Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, ritrae un esemplare di spillone delle spiagge (Armeria pungens), pianta che si sviluppa nelle zone litoranee della Sardegna, immortalato sullo sfondo del mare cristallino dell’Isola di Spargi.
Delle 1.440 le foto ammesse quest’anno al concorso, la maggior parte ritraeva i parchi nazionali, soprattutto quello del Gran Sasso, dei monti Sibillini e dell'Abruzzo.
"Attraverso la forza delle immagini, Obiettivo Terra ci ha fatto riscoprire i bellissimi tesori del variegato ed inestimabile patrimonio custodito dai nostri Parchi ed Aree Marine Protette – dichiara Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde -. Un patrimonio unico, da tutelare con determinazione e valorizzare con orgoglio; questa è la vera sfida che dobbiamo vincere se davvero amiamo la nostra straordinaria Italia, se sinceramente rispettiamo Madre Terra".
(univ)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn