brexit 1709Allarme per la tutela dei diritti dei cittadini a causa della Brexit. Un s.o.s lanciato dal direttore generale per gli italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli esteri, Luigi Maria Vignali, sentito in commissione Esteri della Camera. "I diritti dei cittadini europei vanno tutelati, dobbiamo mettere in sicurezza questi diritti, ma i segnali non sono incoraggianti", ha detto senza mezzi termini. "C'è preoccupazione per quello che sta succedendo nell'ambito dei negoziati per la Brexit- ha spiegato il dirigente del ministero degli esteri- "Ci sono segnali di preoccupazione sull'esito finale del negoziato legati ad altre dinamiche, ma anche sui diritti dei cittadini ci sono schermaglie negoziali", ha insistito Vignali.
Al di là di quello che viene considerato "uno dei nodi più importanti", e cioè il contributo finanziario britannico  (si tratta di 78 milioni di euro che il Regno Unito dovrebbe all'Europa) Vignali ha ribadito "l'importanza della tutela dei cittadini non solo in termini sostanziali ma anche temporali".
Lo sguardo e' rivolto a tutti i cittadini, ma con una ovvia attenzione ai nostri connazionali. "Abbiamo avuto negli ultimi cinque anni un milione di nuove iscrizioni all'Aire,  l'anagrafe degli italiani resideenti all'estero", ha puntualizzato Vignali. "Nel 2016 sono andati all'estero un minimo di 120 mila italiani  se non addirittuta 200-250 mi8la, secondo altre stime,  Si tratta di un flusso Importante di cui non si ha consapevolezza e questo è un problema", ha rimarcato.
"Se il negoziato fallisse almeno i diritti dei cittadini europei vanno tutelati. Dobboamo fare molta attenzione al negoziato. ha concluso Vignali- spingere a una soluzione prioritaria per i cittadini, anche da un punto di vista amministrativo e procedurale: le procedure di riconoscimenbto devono essere semplificate".
(sbo)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn