ibocPrendete due italiani – Luigi Porto, compositore e sound designer, e Andrea Amoroso, poeta e librettista –, un’opera che ha come protagonista uno dei personaggi più leggendari del Risorgimento italiano, Anita Garibaldi, e un progetto che, coniugando i linguaggi della lirica tradizionale e quelli della musica contemporanea e dividendosi tra la Grande Mela, Rio de Janeiro, Laguna e Cosenza, vede coinvolta l’International Brazilian Opera Company di New York.
Da questa unione cosmopolita nasce Anita!, opera lirica che debutterà proprio a New York il 7 e l’8 marzo prossimi con la messa in scena dell'aria Provvisorietà/Provisoriedade alla Baruch's Engelmann Recital Hall di Manhattan, in occasione della world première della compagnia d'opera iBOC – International Brazilian Opera Company, di cui Luigi Porto è membro fondatore insieme ai due compositori brasiliani João MacDowell e Thiago Tiberio.
«L'idea nasce dalla volontà di una collaborazione tra me e Andrea Amoroso» spiega Porto «volevamo realizzare un lavoro lirico e poetico, qualcosa di più di una canzone, e siccome non siamo bravi a limitarci, è nata un'opera».
“Anita!  - come afferma Porto – cercherà di coniugare, anche visivamente, le possibilità del teatro musicale, del cinema e della poesia, senza giungere a compromessi, ma piuttosto creando dei punti di contatto tra linguaggi che saranno espressi al pieno delle loro potenzialità”.
Tra gli aspetti più interessanti del progetto – una delle tre nuove produzioni della neonata compagnia iBOC – l’idea di autofinanziarsi. Come? Attraverso un “kickstarter”, ovvero una “produzione dal basso” per raccogliere il budget necessario ad integrare le spese dell'imponente spettacolo del 7 e 8 marzo prossimi, dove saranno in scena più di quindici voci soliste e due cori.
Ad oggi sono già stati raccolti 8500 dollari, segno che il progetto ha attirato già la curiosità di molti, negli Stati Uniti e non solo.
L’opera ha già iniziato a suscitare un certo interesse anche in Italia, dall'Ambasciata del Brasile allo storico conduttore radiofonico Raffaele Cascone.
Non resta che attendere con ansia il debutto!
(red)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn