Vini e dintorni

rosso morellinoEra il 1978 quando al Morellino di Scansano fu riconosciuta la Denominazione di Origine Controllata e il giorno 11 di giugno Scansano l’ha voluto ricordare con la manifestazione “Rosso Morellino”.
Un convegno sul passato, presente e futuro di questo vino ha aperto le celebrazioni di questa importante tappa.

fiordicacio18Giunta ormai alla sedicesima edizione, “Fior di Cacio” è la manifestazione dedicata al mondo del formaggio, fatta di laboratori che avvicinano al modo di degustarli, fino a delle vere e proprie prove pratiche di trasformazione del latte

vinoforum rmMancano pochi giorni alla nuova edizione, la quindicesima, di Vinòforum, il grande spazio del gusto allestito a Lungotevere Maresciallo Diaz, nei pressi della Farnesina a Roma. Dieci giorni, dal 15 al 24 giugno, dedicati al piacere del palato e all’approfondimento.

vitignoitaliaSi è chiusa la quattordicesima edizione di VitignoItalia, il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani, che anche quest’anno ha avuto come cornice il magnifico complesso di Castel dell’Ovo a Napoli. Come sempre accade alla fine di un evento, si tirano le somme

cannoloEsaltazione della gola e trionfo di sapori, è senza dubbio l’ambasciatore dell’arte pasticcera siciliana nel mondo: stiamo parlando del cannolo. Quella meravigliosa sfoglia scura e croccante, vagamente acidula, che trova il suo matrimonio d’amore con la ricotta, rigorosamente di pecora, setacciata o, nella versione per intenditori, lasciata con i suoi seducenti setosi granuli

lazio preziosoIl panorama agroalimentare del Lazio è ricco di prodotti di qualità spesso conosciuti in tutto il mondo, basti pensare al Pecorino Romano Dop, anche se ormai la sua produzione è quasi a totale appannaggio della Sardegna, o al Frascati

wine show“Un sorso al Cuore” è lo slogan della terza edizione del Wine Show, che quest’anno si svolgerà a Todi. Più di cento le cantine che hanno già aderito alla manifestazione, per un totale di oltre settecento vini da poter degustare nei giorni 9 e 10 di giugno. L’evento si svolgerà nelle sale dei palazzi comunali

vigne del patrimonioUn territorio dove il vino si fa da millenni, prima gli Etruschi, popolo che non si faceva certo mancare il buono vino nei loro banchetti, anzi, molto spesso questo era il protagonista assoluto della festa, successivamente i Romani, anch’essi amanti della bella vita e del buon bere.

wine and thecityTorna a Napoli dal 3 al 25 maggio la rassegna diffusa che celebra l’ebbrezza creativa in mare, per strada, nei musei, nei cortili dei palazzi storici e nelle boutique. Il gioco è il tema dell’Undicesima edizione di Wine&Thecity.

roccafioreQuando si pensa all’Umbria dei vini vengono subito i mente i rossi, ma esiste anche una parte di produttori che hanno scommesso sui vitigni a bacca bianca, anzi, su uno in particolare, su quel vitigno autoctono più rappresentativo: il grechetto di Todi.

bisolL’avvento imprenditoriale del Gruppo Lunelli nel mondo del bere di qualità è segnato dall’anno 1952, quando Bruno Lunelli acquista una, allora, piccola ma storica cantina: quella di Giulio Ferrari.

arte sagrantino“Arte & Sagrantino” non è solo un progetto per la valorizzazione del territorio. E’ un invito a visitare l’Umbria dell’arte e del vino che quest’anno unisce Comuni e Associazioni nella celebrazione di questo legame: un’offerta vastissima di eventi e una mostra itinerante

carciofo paestumIl Carciofo di Paestum Igp, una delle tante prelibatezze campane, torna in primo piano con la decima edizione della festa a lui dedicata. Fa parte del gruppo genetico del “romanesco”, ha forma rotondeggiante, per questo è detto anche “tondo di Paestum”

vinitaly18Ormai è tutto pronto per la nuova edizione del Vinitaly, la numero 52, che si preannuncia sempre più aperta a prodotti e mercati esteri. Il padiglione dell’International Wine Hall aveva esaurito i suoi spazi a disposizione già dal dicembre scorso

pizza cuoreVerso la fine dell’Ottocento, Raffaele Esposito o i fratelli Lombardi antichi pizzaioli napoletani, l’uno artefice della pizza margherita, presso Brandi a Napoli, gli altri abili pizzaiuoli che non tradendo la vecchia fantasia dell’arte di arrangiarsi sfornavano pizze da forni mobili