life of wine La maggiore attenzione dei consumatori nei confronti del vino ha fatto crescere il numero di corsi di avvicinamento alla conoscenza di questo affascinante mondo, sempre nuovo, frutto dei diversi andamenti climatici annuali , e capace di generare appassionate discussioni tra conoscitori e sedicenti tali.
Di pari passo sono cresciute le offerte di degustazioni, alcune molto interessanti: quelle che attraverso l’assaggio di vecchie annate fanno capire come il vino matura nel tempo, evolve. Sicuramente una di queste è “Life of Wine”. Manifestazione giunta alla sua sesta edizione è forse l’unica nel suo genere, perché non è un’anteprima della nuova annata, ma un percorso a ritroso nella vita di quel vino fatto attraverso bottiglie ormai introvabili, ma custodite solo nei “caveau” delle aziende che le producono.
L’idea e la realizzazione è tutta dello Studio Umami di Firenze, specializzato nella comunicazione e nell’organizzazione di manifestazioni enogastronomiche, che anche quest’anno è riuscita a mettere insieme una bella panoramica storica della produzione vinicola nazionale.
Attraverso le diverse annate, alcune davvero storiche come la Riserva Ducale Oro 1977 (Chianti Classico Docg Riserva) della cantina Ruffino, o l’Occhio di Gallo 1964, un Vino Cotto Stravecchio di David Tiberi, o magari scoprire la longevità dei bianchi con il San Paolo 2004 (Verdicchio dei Castelli di Jesi Docg Classico Riserva) dell’azienda Pievalta, o con un non meno interessante Fiorfiore 2008 (Umbria Grechetto Igt) della cantina Roccafiore.
Le cantine saranno molte all’Hotel Radisson Blu di Roma e i vini si avvicineranno al numero di duecento, tutti rigorosamente di annate passate: “…un viaggio nelle età del vino”.
(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn