pic nicI territori del centro Italia devastati dai recenti eventi sismici, stanno tentando con caparbietà di risollevare la testa, anche se spesso si trovano a dover combattere la vischiosità della ragnatela burocratica. Il modo più intelligente ed efficace per vincere questa durissima battaglia è fare squadra, nasce così l’iniziativa “Alte Terre”. Scaturito dal “Consorzio Salaria è”, rete d’imprese di filiera dell’Alta Valle del Velino e Terre Amatriciane, “Alte Terre” ha avviato un ampio programma di promozione e valorizzazione dei prodotti e dei territori che rappresenta.
Forte dei suoi ventuno associati tra produttori, ristoratori e strutture ricettive operanti nei dieci Comuni facenti parte del progetto, di recente è stata presentata la prima iniziativa, che ha come slogan: “La natura su misura”. Un pic-nic diffuso  che va da Posta a Città Reale, passando per Amatrice e Accumoli, per  un’area di seicento chilometri quadrati, ricca di bellezze naturali, arte e tradizioni gastronomiche.
“Un format perfetto per un territorio che vanta oltre 600 km quadrati di incontaminata bellezza - ha dichiarato il presidente del Consorzio Salariaè Emidio Gentili - tra alte vette, straordinarie vallate, borghi suggestivi, fiumi, cascate e laghi che non mancano mai di lasciare i visitatori a bocca aperta. A questo aggiungiamo una cucina che, dall’amatriciana alla gricia, passando per formaggi, salumi e le altre eccellenze di questa area, fa del nostro territorio un unicum conosciuto e apprezzato nel mondo”.
Luoghi che si trovano a pochi chilometri dalla capitale, ma facilmente raggiungibili anche da Marche, Umbria e Abruzzo. Per questa iniziativa il Consorzio ha ideato una speciale confezione contenente i formaggi, i salumi, le confetture e le birre prodotte dalle aziende aderenti all’iniziativa. “Senza dimenticare - ricorda Emidio Gentili - che se poi anziché per un pic-nic ci si vuole fermare per una notte, un weekend o più giorni, le aziende saranno felici di cucire su misura la vacanza ideale per tutti”.
(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn