Stampa
Categoria: Vini e dintorni

robuchonIl destino si sta accanendo sulla grande cucina internazionale: prima Gualtiero Marchesi, dopo poche settimane, in gennaio, ci lascia anche Paul Bocuse, ora, a settantatré anni, Joel Robuchon , lo chef più stellato al mondo, nella sua carriera la guida Michelin gli aveva attribuito ben trentadue stelle.
La scomparsa sarebbe dovuta, secondo quanto riportato dal sito di “Le Figaro”, al forte indebolimento causato da un intervento eseguito oltre un anno fa per un tumore al pancreas. Un cuoco di grande talento: a soli ventinove anni dirigeva già lo staff del ristorante Concorde Lafayette di Parigi, ben novanta persone. Fu lui ad avere il coraggio di sconfiggere il minimalismo radicato ormai da anni della nouvelle cuisine, e forse fu proprio per questo che nel 1990 la guida Gault & Millau gli attribuì il titolo “cuoco del secolo”.
Da oltre venti anni aveva lasciato le cucine per dedicarsi alla stesura di libri di gastronomia, divenuti ormai fondamento della formazione di molti chef. A lui si deve anche il merito di aver proposto in televisione ricette di facile esecuzione, ma pur sempre con il taglio del grande chef.
La sua cucina continuerà a vivere nei suoi ristoranti sparsi tra Hong Kong, Tokio, Las Vegas e naturalmente Parigi.
(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn